brunch italiano

Brunch. Il trend enogastronomico italiano

Il brunch italiano fa chic e condivisione. Storia e sviluppo di un trend in ascesa.

Il Brunch è l’alternativa trendy enogastronomica a stelle e strisce che sta entrando nel cuore degli italiani. Nasce tradizionalmente negli Stati Uniti negli anni ’70 negli alberghi di New York per soddisfare i capricci di alcuni clienti che pretendevano un’abbondante colazione pur svegliandosi tardi.

Ma è negli anni ’80 che si è trasformato in un vero e proprio fenomeno di mondanità. In Italia sta prendendo piede solo negli ultimi anni e solo nelle grande città metropolitane. Ma cos’è il brunch nello specifico?

Nasce dalla fusione del breakfast e del lunch (colazione + pranzo) ed è  composto da tutti gli elementi tipici di una colazione dolce, con l’aggiunta di carni fredde, salumi, formaggi, torte  salate e frutta. La sua diffusione è dovuta soprattutto alla comodità di un pasto meno formale di una colazione o un pranzo, assieme alla possibilità di servirsi da un buffet sul quale è lecito proporre qualunque tipo di cibo.

brunch

Solitamente viene servito tra le 11 e le 15 di domenica, quando ci si alza con calma, quando è troppo tardi per la colazione ma troppo presto per il pranzo.

La cosa più trendy da fare è dunque dare appuntamento per il brunch in uno dei moltissimi locali che lo organizzano. Fare brunch è diventato una mania nell’ultimo anno tra i giovani, un momento di condivisione sociale. Questa tendenza è estremamente in voga anche tra le nuove famiglie che optano questo modo di relazionarsi a tavola per potersi così concedere un momento di relax e godersi la giornata.

Nelle grandi città come Roma o Milano il brunch è diventato un appuntamento irrinunciabile specie per gli appassionati enogastronomici che prediligono il brunch al pranzo domenicale dalla mamma.

Ed è per questo motivo che molti locali hanno abbracciato questo nuovo servizio di cucina, conquistando così un tipo di clientela differente, più raffinata, chic e cosmopolita.

La domenica mattina quindi facciamo brunch e magari portiamo con noi anche la mamma.

A cura di Maria Teresa Bianco.

Autore

Redazione

Redazione

Redazione SBT Magazine

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Assicurati di inserire tutti i dati obbligatori. Il codice HTML non è ammesso